Global Service UIL 2000 srl

Bonus Luce, Gas e Acqua 2020

ATTENZIONE: Sospesa dal 1° marzo al 30 aprile 2020 la possibilità di trasmettere le domande per l'accesso agli sconti previsti per energia elettrica, gas e acqua. Ai beneficiari che avrebbero dovuto rinnovare i bonus entro il 31 marzo o il 30 aprile è comunque garantita la continuità degli sconti in bolletta per i 60 giorni successivi alla scadenza se il rinnovo viene richiesto entro il 30 giugno 2020.
Dal 1° gennaio 2020 è stata innalzata a 8.265,00 euro la soglia massima ISEE per poter ottenere il Bonus sociale da applicare sulle bollette di acqua, luce e gas.
Tale beneficio viene anche esteso ai titolari di reddito o pensione di cittadinanza, a prescindere dal valore ISEE del nucleo familiare.
Resta invece invariata la soglia per le famiglie con almeno 4 figli a carico, per le quali l’ISEE non deve superare i 20 mila euro. Il Bonus elettrico spetta anche nei casi in cui una grave malattia costringa all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il mantenimento in vita.
La richiesta va presentata al proprio Comune di residenza (o ai CAF convenzionati). I Bonus verranno erogati direttamente in bolletta per chi ha un contratto diretto, mentre l’utente indiretto (cioè la famiglia che vive in un condominio e non ha un contratto proprio di fornitura idrica) riceverà i Bonus in un’unica soluzione, secondo le modalità individuate dal gestore dello specifico servizio. Le agevolazioni durano 12 mesi, al termine dei quali bisogna presentare una nuova richiesta.
Le sedi CAF UIL sono a Vostra disposizione per la compilazione del modello ISEE e per ulteriori informazioni.

Bonus ristrutturazioni edilizie

Prorogato fino al 31 dicembre 2018 il bonus per le ristrutturazioni edilizie. La proroga consiste nella detrazione del 50% dall’IRPEF, per unità immobiliare, fino ad un massimo di 96 mila euro. Infatti, senza la proroga, per i lavori di ristrutturazione edilizia la detrazione ordinaria sarebbe del 36% ed il limite massimo di 48 mila euro. Il costo stimato per il 2018 in mnaovra è di 125,5 milioni di euro. Nel 2016 (anno di imposta 2015, ultimo dato disponibile), coloro che hanno usufruito della detrazione sono stati 8,2 milioni di contribuenti con una detrazione pari 4,7 miliardi di euro (570 euro pro capite).

Bonus efficientamento energetico

E' stata prorogata al 31 dicembre la detrazione per gli interventi per l’efficientamento energetico, ma con una novità che riguarda gli infissi e le caldaie. Per queste la manovra di bilancio fa scendere la detrazione dal 65% al 50%. La manovra stima in 72,2 milioni di euro i costi per il 2018. Mentre per gli altri interventi la detrazione fiscale (IRPEF o IRES), resta tra il dal 65% e il 75%. Nel 2016 (anno di imposta 2015, ultimo dato disponibile), coloro che hanno usufruito della detrazione sono stati 1,8 milioni di contribuenti con una detrazione pari 1,8 miliardi di euro (600 euro pro capite).

Bonus acquisto mobili

E' stato prorogato al 2018 il bonus per l’acquisto dei mobili fino ad un di 10 mila euro. La manovra stima in 43,5 milioni di euro i costi per il 2018. E’ una detrazione del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Nel 2016 (anno di imposta 2015, ultimo dato disponibile), coloro che hanno usufruito della detrazione sono stati 1,8 milioni di contribuenti con una detrazione pari 1,8 miliardi di euro (600 euro pro capite).

Bonus Abbonamenti Trasporto Pubblico

La manovra introduce la detrazione del 19% delle spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi del trasporto pubblico, per un importo massimo di 250 euro annui. Si possono stimare circa 2,1 milioni di beneficiari con un costo stimato per il 2019 di 98,3 milioni di euro e per il 2020 di 58 milioni di euro.

Bonus Pollice Verde

La manovra introduce per l’anno 2018 una detrazione IRPEF pari al 36% delle spese documentate fino ad un massimo di 5 mila euro per unità immobiliare, per la “sistemazione a verde” di aree scoperte perivate di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi, realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili. La manovra stima in 430 mila i potenziali beneficiari per il 2018 con una spesa di 6,5 milioni di euro per il 2018, 69,1 milioni di euro per il 2019 e di 43,2 milioni di euro per il 2020.